La casa infestata di Borley

Borley Rectory, un edificio di 11 camere da letto più altre stanze costruito nel 1863 a Borley, a nord-est di Londra, divenne famoso perché fu lo scenario di uno dei casi di infestazione da poltergeist più famosi e documentati al mondo

La casa infestata di Borley
La casa infestata di Borley. La Casa Infestata di Borley è una delle location più celebri e avvolte nel mistero nel panorama dei fenomeni paranormali. Situata nella contea dell’Essex, in Inghilterra, questa dimora ha attirato l’attenzione di studiosi, investigatori del paranormale e semplici curiosi per oltre un secolo.

La storia che avvolge la casa è fatta di leggende, testimonianze e avvenimenti inspiegabili. Si dice che la casa sia stata teatro di una serie di eventi paranormali, tra cui apparizioni spettrali, suoni inquietanti e fenomeni poltergeist. La vicenda più nota riguarda la presunta presenza di una monaca, che sarebbe stata sepolta viva nei sotterranei della casa nel XVII secolo, e che sembra ancora vagare tra le sue mura.

Le indagini e le ricerche condotte sulla Casa Infestata di Borley hanno portato alla luce una serie di testimonianze e documentazioni che alimentano il fascino del luogo. Fotografie sgranate, registrazioni audio enigmatiche e resoconti dettagliati di esperienze paranormali sono elementi che contribuiscono a dipingere un quadro affascinante e misterioso.

Nonostante le controversie e le opinioni divergenti, la Casa Infestata di Borley rimane uno degli enigmi più affascinanti del mondo del paranormale. Le storie che circondano questa dimora offrono uno spunto intrigante per esplorare i confini tra realtà e leggenda, invitando gli appassionati di fatti misteriosi a indagare più a fondo su questo affascinante capitolo di storia paranormale. Un luogo che continua a stimolare la curiosità e l’immaginazione di coloro che si avventurano nelle sue stanze cariche di storia e mistero.

La storia della casa infestata di Borley

Nel tranquillo villaggio di Borley, nell’Essex, Inghilterra, un edificio di undici camere da letto, noto come Borley Rectory, ha lasciato un’impronta indelebile nella storia del paranormale. Costruita nel 1863, questa casa divenne famosa non solo per la sua architettura, ma soprattutto per essere stata il palcoscenico di uno dei casi di infestazione da poltergeist più documentati e discusse al mondo.

La storia di Borley Rectory inizia con il reverendo Henry Dawson Ellis Bull, che fece costruire la casa come canonica. La sua famiglia e i suoi discendenti vissero lì per sessantacinque anni, fino al 1927, quando la casa passò al nuovo parroco, il reverendo Guy Smith, e sua moglie. La permanenza di questi ultimi fu breve, in quanto la casa divenne ben presto il centro di voci riguardanti fenomeni paranormali. Smith, alla ricerca di risposte, si rivolse al Daily Mirror, che inviò l’eminente studioso di parapsicologia Harry Price, insieme a un giornalista, per indagare.

Nel 1930, la casa fu occupata dal reverendo Lionel Foyster e sua moglie Marianne. Fu durante il loro soggiorno che iniziarono a verificarsi una serie di strani e inspiegabili eventi: oggetti che si spostavano da soli, campanelli che suonavano senza apparente causa, oggetti che apparivano e scomparivano misteriosamente, colpi e getti d’acqua che disturbavano il sonno dei residenti. Il pastore cercò di eseguire un esorcismo, ma senza successo. Una notte, Marianne riferì di aver visto una grande figura scura, simile a un enorme pipistrello, ma impossibile da identificare.

Con il passare del tempo, misteriosi messaggi iniziarono a comparire sui muri, implorando aiuto, chiedendo preghiere e messe. Nel 1935, i Foyster abbandonarono la casa, ma fu solo nel 1937 che Harry Price, che aveva visitato la casa nel 1929, decise di acquistarla e farvi abitare 48 investigatori, reclutati attraverso un annuncio su un giornale locale, per condurre ulteriori ricerche.

Una leggenda oscura circonda il terreno su cui sorgeva Borley Rectory. Si dice che in passato vi fosse un monastero, e all’interno di esso, una giovane monaca si innamorò di un giovane cocchiere. Decisero di fuggire, ma il loro tentativo fu sventato, portando a tragiche conseguenze. Secondo la leggenda, la monaca fu murata viva in una cella sotterranea.

Harry Price apprese dagli abitanti locali che, nel corso dei decenni, molti avevano riferito di aver visto una monaca in abiti neri vagare nel sentiero che collegava la casa al limitare del bosco dopo il tramonto. Questo sentiero divenne noto come il “sentiero della monaca”.

Price decise di avvalersi di sedute medianiche per tentare di contattare lo spirito di una suora francese cattolica, Maria Lairre, vissuta nel XVII secolo.

Nel 1939, un incendio distrusse completamente Borley Rectory. Le indagini rivelarono che l’incendio era stato causato da un tentativo di frode assicurativa da parte del nuovo proprietario, il capitano W. E. Gregson.

Nel 1943, Harry Price e i suoi collaboratori intrapresero degli scavi che portarono alla luce resti umani, tra cui un osso parietale e una mandibola con cinque denti ancora al loro posto. Questi resti furono identificati come appartenenti a una giovane donna di età inferiore ai trent’anni, che potrebbe benissimo essere stata la monaca della leggenda. I resti furono sepolti con una cerimonia cristiana. Tuttavia, già dal 1938 si sapeva che la parrocchia non era stata costruita su un antico monastero, ma su terreno in cui erano state sepolte le vittime di un’epidemia di peste nel XVII secolo.

Nel 1944, le rovine di Borley Rectory furono completamente demolite.

Nel 1951, la Society for Psychical Research (SPR), famosa per le sue inchieste sui fenomeni paranormali, iniziò una dettagliata indagine su Borley. Dopo cinque anni di studi, i ricercatori della SPR conclusero che Harry Price aveva perpetrato frodi, manipolato le prove e alterato le testimonianze. Inoltre, ritennero che nulla nei fenomeni riportati fosse eccezionale. Ad esempio, rivelarono che il reverendo Smith non aveva chiesto a Price di eseguire un’esorcismo, bensì di fornire una dichiarazione ufficiale per porre fine alle voci.

La vicenda di Borley Rectory, con le sue vicissitudini e controversie, rimane uno dei misteri più affascinanti e dibattuti nel mondo del paranormale. La sua storia, ricca di eventi inspiegabili e oscure leggende, continua a catturare l’immaginazione di coloro che sono affascinati dai fenomeni paranormali e dalle sfide che presentano alla razionalità umana.