Hotel del Salto

L’Hotel del Salto, dai fantasmi dei suicidi a simbolo della rinascita ambientale di Bogotà


Hotel del Salto. Situato nei pressi delle cascate di Tequendama, in Colombia, l’Hotel del Salto è un luogo intriso di misteri e leggende, noto per la sua storia avvolta da fascino e oscurità. Originariamente costruito nel 1928 come residenza aristocratica, l’edificio divenne in seguito un hotel, affacciandosi su uno scenario mozzafiato.

Tuttavia, la bellezza paesaggistica si intreccia con racconti di presunte attività paranormali che hanno circondato l’hotel nel corso degli anni. Si dice che l’edificio sia stato testimone di numerosi suicidi, con alcune storie che parlano di ospiti che si sarebbero gettati dalle sue finestre, alimentando la leggenda della “casa dei suicidi”.

Le leggende si mescolano alle suggestioni della storia locale, citando motivazioni oscure e presunte presenze spettrali che ancora sembrano vagare tra le sue mura. Anche se l’hotel ha chiuso nel 1990, le storie di apparizioni e presenze misteriose persistono, attirando l’interesse di studiosi del paranormale e appassionati di avventure enigmatiche.

Nonostante la bellezza architettonica dell’Hotel del Salto, l’atmosfera è avvolta da un senso di mistero e malinconia. Il luogo, ora in rovina, è diventato un simbolo di suggestione, suscitando curiosità tra coloro che si avventurano nel mondo dei luoghi infestati e della storia oscura.

La storia dell’Hotel del Salto

L’Hotel del Salto del Tequendama è un palazzo situato a circa 20 chilometri da Bogotà, in Colombia. Fu costruito negli anni ’20 dell’Ottocento dall’architetto Carlos Arturo Tapias e si affaccia sulle cascate di Tequendama, alte oltre 150 metri.

L’hotel era un simbolo di eleganza e ricchezza e ospitava turisti facoltosi da tutto il mondo. Tuttavia, negli anni ’90, l’inquinamento del fiume Bogotà, che scorre ai piedi dell’hotel, lo rese un luogo malfamato e pericoloso.

L’inquinamento del fiume era così grave che il suo odore nauseabondo era percepibile a chilometri di distanza. Inoltre, le cascate erano diventate un luogo di suicidio, attirando persone disperate da tutto il paese.

Nel corso degli anni, l’hotel fu abbandonato e si diffuse la leggenda che fosse infestato dai fantasmi delle persone che si erano suicidate. Questa fama gli valse il nome di “Hotel dei Suicidi”.

Tuttavia, negli ultimi anni l’hotel ha avuto una nuova opportunità di rinascita. La Fondazione Ecologica “El Porvenir” ha deciso di ristrutturarlo e convertirlo in un museo dedicato alla biodiversità e alla cultura.

Il museo, che è stato inaugurato nel 2023, racconta la storia dell’hotel e del fiume Bogotà. Inoltre, ospita mostre e conferenze sulla biodiversità della Colombia.

Da simbolo di decadenza e disperazione, l’Hotel del Salto è diventato un simbolo di rinascita e speranza. È un luogo che racconta la storia di un paese che sta lottando per recuperare la sua bellezza naturale e la sua ricchezza culturale.

Ecco alcuni dati interessanti sull’Hotel del Salto:
  • Fu costruito negli anni ’20 dell’Ottocento dall’architetto Carlos Arturo Tapias.
  • Si affaccia sulle cascate di Tequendama, alte oltre 150 metri.
  • Negli anni ’90, l’inquinamento del fiume Bogotà lo rese un luogo malfamato e pericoloso.
  • Divenne un luogo di suicidio, attirando persone disperate da tutto il paese.
  • Negli ultimi anni è stato ristrutturato e convertito in un museo dedicato alla biodiversità e alla cultura.
Le possibili spiegazioni per i suicidi avvenuti all’Hotel del Salto:
  • L’inquinamento del fiume Bogotà potrebbe aver contribuito a creare un clima di depressione e disperazione.
  • Le persone che si sono suicidate potrebbero aver scelto l’hotel perché era un luogo isolato e solitario.
  • L’hotel potrebbe essere stato effettivamente infestato dai fantasmi delle persone che si erano tolte la vita.
  • Ad oggi, non è possibile sapere con certezza cosa abbia causato i suicidi avvenuti all’Hotel del Salto.